SOCCORSO ALPINO PINEROLO VAL CHISONE - NOTIZIE ARCHIVIO

SERATA CON LUIGINO AIROLDI

30/11/2012

Venerdì 30 novembre 2012, presso la sala Consiliare del Comune di Fenestrelle, si tenuta la serata con Luigino Airoldi, Ragno di Lecco e Volontario del Soccorso Alpino, sulla salita e discesa del Mount McKinley.

Sicurezza

29/04/2012

La legge che tutela la sicurezza dei lavoratori non si applica integralmente alle attività svolte dai volontari di protezione civile. Il "percorso della sicurezza” per i volontari di protezione civile si sviluppa in tre punti: - l’art. 3, comma 3-bis, del d. lgs. 81/2008, che ha stabilito che nei riguardi delle organizzazioni di volontariato della protezione civile, ivi compresi i volontari della Croce Rossa Italiana e del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e speleologico, e i volontari dei Vigili del Fuoco, le disposizioni del testo unico sulla salute e la sicurezza negli luoghi di lavoro sono applicate tenendo conto delle particolari modalità di svolgimento delle rispettive attività da individuarsi con un successivo decreto interministeriale; - il decreto interministeriale di attuazione del 13 aprile 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del’11 luglio 2011; - il decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, di prossima emanazione, con il quale, d’intesa con le Regioni e le Province Autonome e in condivisione con la Consulta Nazionale delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile, con la Croce Rossa Italiana ed il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico, vengono definite le modalità di effettuazione della sorveglianza sanitaria per i volontari di protezione civile e vengono condivisi indirizzi comuni in materia di scenari di rischio di protezione civile e dei compiti in essi svolti dai volontari, di controllo sanitario di base, di formazione. I primi due provvedimenti sono quindi già in vigore, ed il terzo è in fase di ultimazione. Per ulteriori approfondimenti: www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it

Manifestazione Tre Rifugi

27/04/2012

Venerdì 27 aprile, presso il teatro del Lavoro di Pinerolo, si è tenuta la conferenza stampa della manifestazione "Tre Rifugi", classica corsa in montagna che si disputa la terza domenica di luglio nell'alta Val Pellice. Quest'anno la corsa cambia la formula: - Trail di Km 28 con dislivello positivo di 1900 metri - Ultra Trail di Km 48 con dislivello positivo di 3500 metri. Partenza ed arrivo da Bobbio Pellice. I due percorsi salgono l’alta valle Pellice raggiungendo il Rifugio Jervis nella formula “Trail” e i classici tre rifugi (Barbara, Granero e Jervis) nella formula “Ultra Trail”. Alla conferenza stampa sono state invitate le stazioni del Corpo Nazione di Soccorso Alpino e Speleologico di Pinerolo-val Chisone, Prali-Val Germanasca e Pragelato-Sestrieres che da sempre, coordinate dalla stazione Val Pellice, forniscono assistenza alla competizione. Per ulteriori info: www.3rifugivalpellice.it

Esercitazione

26/05/2012

Sabato 26 maggio 2012 si è svolta nell'impervio vallone del Bourcet il secondo addestramento programmato della stazione di Pinerolo - Val Chisone, volto alla costruzione e all'uso della teleferica alpina. La teleferica ha consentito di attraversare il torrente Bourcet e di simulare il recupero di un ferito con la barella portantina. L'utilizzo della teleferica alpina assume particolare importanza per il recupero di feriti in ambienti inaccessibili (pareti rocciose, fiumi in piena, forre ecc.) anche per attività di protezione civile, come ad esempio il trasferimento di civili tra le due sponde durante eventi alluvionali che hanno danneggiato/distrutto gli abituali attraversamenti (ponti, passerelle). All'esercitazione hanno partecipato 23 Volontari.

Esercitazione soccorso alpino - Vallone di Bourcet 26 maggio 2012

5x1000

16/05/2012

Alla prossima dichiarazione dei redditi destina il 5x1000 al Soccorso Alpino. Ricorda il codice fiscale 97562820015 e firma l'apposito riquadro Grazie

Assitenza al Trail ed Ultra Trail Tre Rifugi Val P

15/07/2012

Domenica 15 luglio 2012 la Stazione Pinerolo Val Chisone, coordinata dalla stazione Valle Pellice, ha prestato assistenza al Trail ed Ultra Trail Tre Rifugi Val Pellice posizionandosi tra l'Alpe Bancet e l'Alpe Giulian.

Manutenzione sul sentiero attrezzato al Bourcet

12/04/2014

Il Vallone del Bourcet è, ormai da molti anni, una meta di prestigio per centinaia di arrampicatori italiani e d’oltralpe. Su queste pareti, grazie all’intuizione e al lavoro del mitico Fiorenzo Michelin e dei suoi compagni di cordata, sono state tracciate delle vie che sono delle perle che ogni appassionato scalatore vuole collezionare. Sabato 12 aprile, durante un’esercitazione, una decina di volontari della stazione di Pinerolo – Val Chisone ha eseguito importanti lavori di manutenzione sulla ferrata di discesa dalle vie di arrampicata. Una ventina di anni fa (1993) i volontari del CNSAS decisero di attrezzare questo tratto di sentiero che si inerpica attraverso un canale roccioso sul versante nord dello Spigolo Grigio con catene e gradini di ferro, per consentire agli arrampicatori una discesa più rapida e sicura, in alternativa alle calate in corda doppia dalle vie. Nella giornata di sabato sono stati sostituiti dei tratti di catena ormai usurata, sono stati posti ulteriori fix nei punti più critici, aggiunti dei gradini sui salti di roccia più impegnativi e rimossi alcuni grossi massi instabili.

4000 Scalini Corri-Forte

09/07/2012

Domenica 1 luglio la stazione di Soccorso Alpino Pinerolo - Val Chisone, nell'ambito delle proprie competenze, ha fornito assistenza alla competizione "4000 Scalini Corri-Forte" organizzata da Applerun Team-Cavour ,del Patron Isoardi Marco , con la collaborazione dell’Atl. Val Pellice, Provincia di Torino, Ass. Progetto San Carlo-Forte di Finestrelle e dell’Eco del Chisone.

Emergenza neve in Veneto

08/02/2014

A seguito delle forti nevicate verificatesi in Veneto, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) nella mattinata di domenica 2 febbraio ha allertato i Volontari di Trentino, Lombardia e Piemonte chiedendo loro la disponibilità per un rapido impiego nelle aree montane più a rischio. Anche 2 Volontari della stazione del Soccorso Alpino Pinerolo-Val Chisone ed un Volontario della Stazione di Bussoleno (Val Susa) sono partiti per il Veneto con un mezzo fuoristrada lunedì 3 febbraio: qui sono stati impegnati nelle operazioni di sgombero neve sia dai tetti degli edifici pubblici e di pregio indicati dalle amministrazioni comunali, sia dai tetti di abitazioni private considerati a rischio di crollo. Le Dolomiti Bellunesi sono le zone in cui circa 140 Volontari del Soccorso Alpino, provenienti dal Veneto, dalle Delegazioni del Veneto e dai servizi regionali di Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna sono intervenuti e stanno prestando il loro contributo, con il coordinamento della sala operativa della Prefettura di Belluno. Contattati telefonicamente, i ragazzi hanno descritto la situazione in tutta la sua criticità: i Volontari del Soccorso Alpino faticano sotto la neve per garantire i servizi primari, la percorribilità delle strade e la agibilità degli edifici pubblici. Si lavora con grande attenzione, al fine di operare in sicurezza relativamente alla caduta dai tetti e, in generale, al pericolo valanghe. Su tutto il bellunese, infatti, il rischio valanghe alla data del 4 febbraio era ancora di grado 5, cioè molto forte, senza significative riduzioni previste nei giorni successivi. A detta dei locali erano circa 20 anni che non si registravano nevicata di tale entità. Dopo aver liberato il tetto del Museo Etnografico M.Giuseppe Fontana di Sappada da oltre 2 metri di neve i nostri Volontari sono rientrati in Piemonte nella serata di mercoledì 5 febbraio (foto CNSAS Pinerolo-Val Chisone).

Formazione

01/04/2012

Mercoledì 28 marzo, presso la sede CAI di Pinerolo, si è conclusa la seconda serata del ciclo di formazione sanitaria rivolta a tutti i Volontari del Soccorso Alpino della Stazione di Pinerolo - Val Chisone. Le due serate sono state organizzate dai Medici e dagli Infermieri appartenenti alla nostra Stazione di Soccorso Alpino ed hanno riguardato due importanti tematiche. La prima ha riguardato le tecniche di movimentazione, immobilizzazione e inbarellamento di un traumatizzato, mediante l'utilizzo della barella in dotazione (barella portantina Kong), del KED (Kendric Extrication Device) e delle steccobende. La seconda ha riguardato la tecnica di primo soccorso Basic Life Support (supporto di base alle funzioni vitali) nota con l'acronimo BLS, determinante per salvare la vita di un traumatizzato, mediante l'utilizzo di 3 manichini e con l'utilizzo della pocket mask in dotazione.