SOCCORSO ALPINO PINEROLO VAL CHISONE - INFORMAZIONI

COME CHIAMARE IL SOCCORSO


In caso di incidente o di ritardato rientro da un'escursione telefonare al numero unico per le emergenze sanitarie 118.

La telefonata e' gratuita.


Presso la Centrale Operativa regionale e' presente un Tecnico del S.A.S.P. per tutto l'arco della giornata e della notte (H-24) il quale mettera' in campo le risorse necessarie per la risoluzione del problema (Elisoccorso, Volontari, Medici, Unita' Cinofile da Valanga e/o da Ricerca in Superficie, Forze dell'Ordine, VVF, ecc.). Il primo contatto potra' avvenire con una C.O.118 provinciale/periferica: l'addetto dopo aver raccolto le prime informazioni dovra' passare la gestione dell'intervento alla C.O.118 di Grugliasco-TO dove il Tecnico del S.A.S.P. ha le competenze specifiche per gli interventi in montagna, in grotta ed in luoghi disagiati ed impervi.

In caso di necessita' la chiamata di soccorso deve avvenire tramite i numeri di soccorso specifici comunicando una serie di informazioni.

E' fondamentale comunicare all'operatore di soccorso quanto segue:

  1. Da dove si sta chiamando(specificando all'operatore che ci si trova in montagna o in grotta).
  2. Il numero di telefono da cui si sta chiamando;  il telefono non deve mai essere abbandonato (se la chiamata dovesse interrompersi e' importante che il telefono venga lasciato libero per consentire alla Centrale operativa di richiamare).
  3. L'esatta localita' dove e' ubicata l'area da cui si sta chiamando(Comune, Provincia o sicuramente un riferimento importante  di ricerca rilevabile sulla cartina).
  4. La propria posizione se in posssesso di  altimetro (opportunamente tarato) o GPS;
  5. Indicazioni in merito a cosa e' visibile dall'alto(pendio, bosco, cima, rifugio, ecc.).
  6. Cosa e' successo
  7. Quando e' successo
  8. Quante persone sono state coivolte nell'incidente.
  9. Le proprie generalita'(fondamentali).
  10. Le condizioni evidenti  della/e persona/e coinvolta/e: difficolta' respiratorie, coscienza, perdita di sangue, traumi visibili, ecc;
  11. L'esatta posizione del ferito(se seduto, se disteso supino, se disteso prono, se appeso, ecc).
E' indispensabile rispondere in maniera completa alle domande dell'operatore che avvia l'intervento di soccorso e raccoglie dati fondamentali per l'ottimizzazione dell'intervento stesso.

CONSIDERANDO CHE L'INTERVENTO IN MONTAGNA PUO' EFFETTUARSI CON O SENZA L'AUSILIO DELL'ELICOTTERO E' BENE INFORMARE L'OPERATORE IN MERITO A:

  1. Tempo impiegato a piedi dall'automezzo al luogo dell'evento.
  2. Condizioni meteo sul posto.
  3. Condizioni del terreno.
  4. Presenza di vento.
  5. Visibilita' sul posto.
  6. Presenza nell'area dell'evento di fili a sbalzo, funivie, linee elettriche ecc.